2021: i miei obiettivi professionali

Qual è il modo migliore di riempire un anno vuoto? E come si riparte con slancio verso nuovi progetti?

Il mio 2020

Come la maggior parte delle persone, non posso dire che l’anno appena trascorso sia stato il migliore, sotto diversi punti di vista. Per quanto riguarda il lavoro, come per molti altri colleghi, nel 2020 il fatturato è calato del 50% rispetto all’anno precedente, generando tanti interrogativi e dubbi sul futuro della mia attività e della professione di traduttore in generale.

Nei periodi in cui non arrivavano nuovi lavori, a partire da metà del lockdown di marzo, ho deciso di reagire alla situazione dedicandomi alla scrittura, alla formazione online e alla lettura di manuali.

In generale, sono una persona orientata al futuro e, non senza fatica, cerco di prevedere e pianificare quello che verrà. E, adesso, queste attività collaterali stanno contribuendo alla definizione dell’anno appena iniziato.

Il mio 2021

La prima azione che intendo intraprendere, forse la più ovvia, è l’incremento del mio business come traduttore, in quelli che sono gli ambiti che amo di più: multimedia, sottotitoli e digital marketing. Per questo motivo, nel corso del 2020 ho acquistato due corsi Udemy: uno specifico sulla traduzione, How to be a Successful Freelance Translator del collega Robert Gebhardt e uno dedicato al digital marketing: The Complete Digital Marketing Course – 12 Courses in 1, per approfondire uno dei miei ambiti di specializzazione.

Diversificazione

Per quanto riguarda i manuali, una lettura molto interessante è stata “Diversification in the Language Industry: Success beyond translation” di Nicole Y. Adams, che suggerisce ai traduttori di intraprendere la strada della diversificazione per incrementare i guadagni e mitigare le conseguenze di eventuali situazioni di crisi. Il libro è di qualche anno fa e non poteva di certo prevedere una situazione paragonabile a quella attuale, ma fornisce ottimi per affrontare le incertezze dei prossimi mesi (e anni).

Oltre alla creazione di sottotitoli, che già offro ai miei clienti, tra i servizi suggeriti per la diversificazione c’è quello dell’interpretariato. Devo ammettere che è proprio questa la professione che mi aveva spinto a frequentare la facoltà di Mediazione linguistica. Un ambito ugualmente toccato dalla pandemia ma, forse, anche una soluzione percorribile in un futuro non troppo lontano.

Un’altra strada è quella della scrittura: la content creation si dimostra un fattore chiave di successo per le aziende e i miei clienti potrebbero essere interessati a questo sevizio aggiuntivo. Per questo motivo, nell’anno appena trascorso ho frequentato il corso di Giulio Gaudiano: Scrivere Online: Scrittura per Internet e Web Copywriting).

selective focus photography of gray stainless steel condenser microphone
Photo by Magda Ehlers on Pexels.com

Inoltre, sempre di Giulio Gaudiano, ho acquistato il corso Come fare il tuo primo video su YouTube e Facebook. In realtà, ho già realizzato alcuni video, insieme alla mia cara amica Giulia Siena, per il canale YouTube di Chronicalibri, in cui parliamo di letteratura.

Per non farmi mancare nulla, ho seguito il corso online Fare Podcasting: Creare un Podcast e Fare Content Marketing, ancora una volta di Giulio Gaudiano, per conoscere più a fondo la realtà in forte ascesa dei Podcast, per i quali già mi occupo di trascrizione e traduzione, uno strumento di comunicazione a cui sempre più aziende ricorrono.

Ti anticipo che, nel 2021, su questo blog mi sentirai parlare spesso di video e podcast. 😉

Soft skill

Uno degli obiettivi che perseguo da tempo è quello del miglioramento delle soft skill (le competenze relazionali), fondamentali in ambito professionale e non solo. Credo di possederne diverse, anche se ci sono due ambiti in cui non sono mai stato il primo della classe: le vendite e il networking. Ma sto cercando di migliorare! 😉

In questo senso, due letture hanno fatto la differenza per me:

  • The Introvert’s Edge: How the Quiet and Shy Can Outsell Anyone di Matthew Pollard che, da introverso, spiega come la capacità di eccellere nelle vendite non dipenda dalla personalità: come ogni altra competenza, è governata da regole e strategie che possono essere acquisite consentendo anche agli introversi di raggiungere ottimi risultati (anche maggiori rispetto agli estroversi!);
  • How to Win Friends and Influence People di Dale Carnegie, un best seller senza tempo che ha influenzato milioni di persone nel mondo, contribuendo a migliorare la loro vita personale e lavorativa: il libro, scritto nel 1936, offre consigli utili ancora oggi su come rapportarsi agli altri per creare sintonia e ottenere maggiore comprensione e collaborazione.

Conclusioni

Volendo guardare al lato positivo, posso dirmi “abbastanza soddisfatto” del mio 2020 professionale. Il fatturato è calato, ma – come avrai notato – ho dedicato molto tempo alla formazione, aspetto fondamentale per un professionista, affinché possa aiutarmi ad affrontare i tempi incerti che attendono tutti noi. Oltre all’ambito professionale, il mio 2021 mi vedrà impegnato anche in un progetto di scrittura, che prevedo di completare entro la fine dell’anno.

Ovviamente, ho anche diversi obiettivi in ambito personale, su tutti quello trascorrere più tempo con le persone a cui voglio bene e a cui ho pensato molto in questo periodo. Chi, come me, ha sperimentato la perdita di una persona cara a causa di queste pandemia, senza la possibilità di dire addio un’ultima volta, il 2020 ha rappresentato un momento di profonda riflessione sul valore delle relazioni.

Il nuovo viaggio è appena iniziato!

A presto!

Foto utilizzata per la realizzazione della copertina di Startup Stock Photos da Pexels

Back to Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: